Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco ai cappellani militari: la guerra «sfigura i legami» e «lascia sempre un segno indelebile»

La guerra «sfigura i legami tra fratelli, tra nazioni; sfigura anche coloro che sono testimoni di tali atrocità». La guerra «può lasciare in loro un segno indelebile. La guerra, in realtà, lascia sempre un segno indelebile». Così Papa Francesco, ricevendo oggi in udienza i partecipanti al IV Corso di formazione dei cappellani militari al diritto internazionale umanitario promosso congiuntamente dalla Congregazione per i vescovi e dai Pontifici Consigli della giustizia e della pace e per il dialogo interreligioso.

Percorsi: Pace - Papa Francesco
Parole chiave: Cappellani militari (7)
Papa Francesco ai cappellani militari: la guerra «sfigura i legami» e «lascia sempre un segno indelebile»

Il diritto umanitario, ha proseguito il Papa, «si propone di salvaguardare i principi essenziali di umanità in un contesto, quello della guerra, che è in se stesso disumanizzante. Esso è volto a proteggere coloro che non partecipano al conflitto, come la popolazione civile o il personale sanitario e religioso, e coloro che non vi partecipano più attivamente, come i feriti e i prigionieri. Al tempo stesso, tale diritto tende a bandire le armi che infliggono sofferenze atroci quanto inutili ai combattenti, nonché danni particolarmente gravi all’ambiente naturale e culturale». Per questo «merita di essere diffuso e promosso tra tutti i militari e le forze armate» e «necessita di essere ulteriormente sviluppato, per far fronte alla nuova realtà della guerra, che oggi, purtroppo, ‘dispone di strumenti sempre più micidiali’, ha osservato citando la «Laudato sì’».

Come cristiani, ha detto Papa Francesco, «restiamo profondamente convinti che lo scopo ultimo, il più degno della persona e della comunità umana, è l’abolizione della guerra. Perciò dobbiamo sempre impegnarci a costruire ponti che uniscono e non muri che separano». «In questo periodo - ha fatto notare Francesco -, nel quale stiamo vivendo una ‘terza guerra mondiale a pezzi’, voi siete chiamati ad alimentare nei militari e nelle loro famiglie la dimensione spirituale ed etica, che li aiuti ad affrontare le difficoltà e gli interrogativi spesso laceranti insiti in questo peculiare servizio alla Patria e all’umanità». Infine, una considerazione sulla preghiera: «Senza preghiera non si può fare tutto quello che l’umanità, la Chiesa e Dio ci chiede in questo momento. Domandatelo ai vostri cappellani, domandatevi voi stessi: quanto tempo al giorno do alla preghiera? La risposta farà bene a tutti». 

Fonte: Sir
Papa Francesco ai cappellani militari: la guerra «sfigura i legami» e «lascia sempre un segno indelebile»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento