Vita Chiesa
stampa

BENEDETTO XVI CELEBRA MATTEO RICCI: DAL SUO ESEMPIO STIMOLI PER UN NUOVO DIALOGO TRA VANGELO E CULTURA CINESE

Parole chiave: benedetto xvi (2612), cina (91)

 Il rinnovato incontro tra il Vangelo e la sua “cultura millenaria” permetterà alla Cina di godere di “frutti abbondanti di bene”. E' la convinzione con la quale Benedetto XVI ha terminato questa mattina il suo intervento in Aula Paolo VI. Circa ottomila persone, prevalentemente in arrivo dalla Regione delle Marche, hanno partecipato all'udienza concessa dal Papa per il quarto centenario della morte di padre Matteo Ricci. Il gesuita, originario di Macerata, fu protagonista tra il Cinque e il Seicento di uno straordinario processo di inculturazione del Vangelo nel grande Paese orientale, assieme ad altri illustri personalità cinesi del tempo che si convertirono al cristianesimo.
Per capirne la grandezza, non solo religiosa e mai troppo a lungo celebrata, è sufficiente affacciarsi nel “Museo del Millennio” di Pechino: in quelle sale, “solo due stranieri sono ricordati fra i grandi della storia”: uno è Marco Polo, l'altro è padre Matteo Ricci. Lo ricorda, alla folla del'Aula Paolo VI, un Benedetto XVI che non fa nulla per celare la sua ammirazione per il missionario gesuita, spentosi a Pechino il 11 maggio 1610. Il “privilegio straordinario” di essere sepolto in terra cinese, “impensabile per uno straniero”, dà la misura – ha spiegato il Papa – della stima che arrivò a circondare padre Ricci, fin nelle stanze dell'imperatore. Tra le figure di “grande statura” che si distinsero per “lo zelo e il coraggio di portare Cristo in terre nuove e lontane”, padre Ricci, ha affermato il Pontefice: “E' un caso singolare di felice sintesi fra l'annuncio del Vangelo e il dialogo con la cultura del popolo a cui lo si porta, un esempio di equilibrio tra chiarezza dottrinale e prudente azione pastorale. Non solo l'apprendimento profondo della lingua, ma anche l'assunzione dello stile di vita e degli usi delle classi colte cinesi, frutto di studio e di esercizio paziente e lungimirante, fecero sì che P. Ricci venisse accettato dai cinesi con rispetto e stima, non più come uno straniero, ma come il ‘Maestro del grande Occidente'”.
E maestro lo fu davvero, ha proseguito il Papa, nei due versanti che caratterizzarono la sua missione: l'inculturazione cinese dell'annuncio evangelico e la presentazione alla Cina della cultura e della scienza occidentali, secondo una visione prettamente cristiana che non si mette a servizio del sapere, bensì dell'uomo. “Un umanesimo che considera la persona inserita nel suo contesto, ne coltiva i valori morali e spirituali, cogliendo tutto ciò che di positivo si trova nella tradizione cinese e offrendo di arricchirlo con il contributo della cultura occidentale ma, soprattutto, con la sapienza e la verità di Cristo. Padre Ricci non si reca in Cina per portarvi la scienza e la cultura dell'Occidente, ma per portarvi il Vangelo, per far conoscere Dio”.
Ma non avrebbe avuto successo la sua missione, né se ne comprenderebbe la portata, senza dare il giusto peso, ha riconosciuto Benedetto XVI, al “ruolo” e all'“influsso” dei suoi “interlocutori cinesi”: “Le scelte da lui compiute - ha detto - non dipendevano da una strategia astratta di inculturazione della fede, ma dall'insieme degli eventi, degli incontri e delle esperienze che andava facendo, per cui ciò che ha potuto realizzare è stato grazie anche all'incontro con i cinesi; un incontro vissuto in molti modi, ma approfonditosi attraverso il rapporto con alcuni amici e discepoli, specie i quattro celebri convertiti, ‘pilastri della nascente Chiesa cinese'”.
In particolare, il Papa ha ricordato due di questi amici e discepoli: l'allora famoso scienziato e letterato, Xu Guangqi – che fra l'altro convinse padre Ricci a tradurre in cinese la più importante opera di geometria della Grecia antica, gli “Elementi” di Euclide – come pure Li Zihzao, altro studioso convertito al cristianesimo che aiutò il religioso gesuita a realizzare una moderna edizione del mappamondo, che schiuse ai cinesi una nuova immagine del pianeta. Fedeltà a Cristo, “profondo amore” alla Cina, intelligenza e studio, vita virtuosa: Benedetto XVI ha concluso auspicando che il ricordo di padre Ricci e degli uomini che collaborarono con lui sia, ha detto, "occasione di preghiera per la Chiesa in Cina e per l'intero popolo cinese, come facciamo ogni anno, il 24 maggio, rivolgendoci a Maria Santissima, venerata nel celebre Santuario di Sheshan a Shanghai". E ha aggiunto: "Esprimo oggi la mia profonda stima al nobile popolo cinese e alla sua cultura millenaria, convinto che un loro rinnovato incontro con il Cristianesimo apporterà frutti abbondanti di bene, come allora favorì una pacifica convivenza tra i popoli”. (Fonte: Radio Vaticana)

BENEDETTO XVI CELEBRA MATTEO RICCI: DAL SUO ESEMPIO STIMOLI PER UN NUOVO DIALOGO TRA VANGELO E CULTURA CINESE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento