Cultura & Società
stampa

Il concorso: Villa Bardini, 3000 progetti da tutto il mondo per «Un marchio per la bellezza»

Circa 3000 progetti da oltre 60 paesi: sollecitati da un premio di 15 mila euro e dall’idea di legare il proprio nome a Firenze, designer, artisti, architetti e professionisti della comunicazione visiva di tutto il mondo hanno partecipato in misura largamente oltre le previsioni al concorso internazionale Un marchio per la bellezza lanciato dalla Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron alla ricerca di un brand efficace e inconfondibile che identifichi e valorizzi Villa e Giardino Bardini, il più spettacolare belvedere della città, teatro di numerose attività culturali.

Parole chiave: villa bardini (1)

Chiusi il 9 febbraio i termini per la presentazione degli elaborati, un importante studio notarile di Firenze ha lavorato duramente fino a ieri per selezionare gli aventi diritto tra le oltre 4000 proposte pervenute alla segreteria del concorso. Alcune centinaia gli esclusi non avendo rispettato il regolamento, ma migliaia gli ammessi che, da oggi, esattamente nei tempi previsti, la giuria presieduta dal presidente della Fondazione Michele Gremigni comincerà a esaminare.

Si tratta, per l’esattezza, di 2992 progetti in arrivo da 62 paesi: 2650 dall’Italia, 108 dall’India, 38 dalle Filippine, 26 dalla Serbia, 23 dall’Indonesia, 8  dalla Bulgaria, 7 dalla Romania, 6 da Birmania, Corea, Kenia, Libano e Sri Lanka, 5 dalla Grecia, 4 da Armenia, Nigeria, Portogallo, Slovenia e Venezuela, 3 da Argentina, Azerbaigian, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Egitto, Lituania, Malesia e Russia, 2 da Austria, Colombia, Cuba, Ghana, Jamaica, Moldavia, Montenegro, Olanda, Polonia, Singapore, Togo, Turchia, Ucraina e USA, 1 a testa da Albania, Belgio, Bielorussia, Brunei, Canada, Congo, Croazia, Dubai, Finlandia, Germania, Guatemala, Kazakistan, Inghilterra, Liberia, Lussemburgo, Marocco, Mauritius, Messico, Nepal, Trinidad e Tobago, Tunisia, Ungheria, Uzbekistan, Vietnam e Zimbabwe.

Una risposta internazionale dovuta esclusivamente alla potenza del web. Lanciato lo scorso 3 gennaio, il concorso è stato infatti promosso solo attraverso la rete con pagine sui social media, sui principali networks e attraverso il sitowww.unmarchioperlabellezza.com dove saranno pubblicati anche i risultati una volta concluso il lavoro della giuria e proclamato il vincitore.

«L’operazione, ricorda Gremigni, porterà al complesso Bardini un sensibile incremento di notorietà con conseguente aumento di visitatori (oggi circa 100 mila l’anno per il solo giardino) e maggiori incassi che renderanno più autonoma la gestione. Si tratta della prima tappa di un progetto di sviluppo destinato a coinvolgere anche l’artigianato toscano di alta gamma».

Come noto, Villa Bardini ospita in permanenza il Museo Annigoni e la Fondazione Roberto Capucci, oltre a esposizioni d’arte temporanee. L’ultima, dedicata al grande fotografo Aldo Fallai (Da Giorgio Armani al Rinascimento), è in corso fino al 10 marzo. Hanno sede nella Villa anche il premio ambientalista Il monito del giardino e la Società Toscana di Orticultura. È  inoltre in corso un ciclo di concerti in collaborazione con ilconservatorio Cherubini.

Per la gestione del concorso la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron si avvale della consulenza di L’Admarco e Kuna srl.

Fonte: Comunicato stampa
Il concorso: Villa Bardini, 3000 progetti da tutto il mondo per «Un marchio per la bellezza»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento