Italia
stampa

Meeting Misericordie: il messaggio del Papa e la visita di Gabbrielli

Una grande festa in cui, alla presenza del Capo dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli, al parco Ferrari di Modena, sono stati premiati i 1500 volontari e le 350 Misericordie di tutta Italia che hanno portato il loro aiuto durante l’emergenza terremoto in Emilia e nel corso della quale sono stati anche consegnati ai sindaci di Mirandola, Maino Benatti e di San Felice sul Panaro, Alberto Silvestri, i fondi raccolti con la sottoscrizione lanciata dalla Confederazione nazionale delle Misericordie.

Si è chiuso così stamani il 1° Meeting nazionale delle Misericordie che, proprio per ricordare lo straordinario impegno di un anno fa, si è svolto a Modena dove, da venerdì, il parco Ferrari è stato occupato dalle oltre 100 tende del campo della neonata Colonna mobile nazionale delle Misericordie. Qui hanno vissuto per tre giorni i volontari (ben 1598 quelli complessivamente registratisi), partecipando a un fitto programma di esercitazioni, convegni, forum tecnici, eventi e serate di musica.

Al Meeting è arrivato stamani anche un messaggio di Papa Francesco: il Santo Padre ha indirizzato alle Misericordie «l’invito a gettare con coraggio le sementa della carità ad ampio raggio, consapevoli che la carità porta sempre copiosi frutti».

La mattinata si è aperta con la Santa Messa, presieduta dall’arcivescovo di Modena-Nonantola: “Il terremoto – ha detto nell’omelia monsignor Antonio Lanfranchi - ci ha fatto prendere coscienza che c’è un cuore buono che attende di emergere. Non si sarebbe fatto quanto si è fatto in meno di un anno per la ricostruzione senza tanta vicinanza e tanta solidarietà.”

Poi la cerimonia di premiazione, a cui hanno preso parte con Gabrielli, Roberto Trucchi proprio ieri rieletto presidente della Confederazione nazionale delle Misericordie, e Piergiorgio Salvatori direttore dell’Ugem (ufficio gestione emergenze di massa) ovvero la protezione civile delle Misericordie. “Era doveroso – ha detto Trucchi - riunirvi qui per dire a ognuno di voi il grazie della Confederazione nazionale per la vostra generosità. Ma certo i ‘grazie’ più importanti sono quelli che avete trovato negli occhi delle persone che avete aiutato e quello che riceverete da Dio: è per onorare Lui ‘con opere di misericordia verso il prossimo’ che siamo nati 8 secoli fa e che anche oggi accorriamo ovunque ci sia una persona da aiutare.”

A Modena il Prefetto Gabrielli ha citato Vasco Rossi per ringraziare le Misericordie che, ha detto “dopo 800 anni ‘sono ancora qua’, e rappresentano un asset importante nel nostro sistema. Credo – ha aggiunto - che anche iniziative come questo Meeting servano, come direbbe il nostro Presidente del Consiglio, a fare spogliatoio, per sviluppare la dimensione di aggregazione all’interno delle singole componenti. Ho avuto il privilegio di vedere il campo dall’alto arrivando con l’elicottero ed è davvero perfetto.”

Gabrielli ha poi esaltato l’importanza del volontariato organizzato di protezione civile, una fiducia dimostrata, ha sottolineato “dal fatto che seppure il mio Dipartimento in 2 anni abbia subito tagli per il 56%, io non ho tagliato un euro al volontariato nel 2011 e 2012 e farò altrettanto nel 2013.”

Meeting Misericordie: il messaggio del Papa e la visita di Gabbrielli
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento