Mondo
stampa

Cristiani perseguitati: 100mila uccisi ogni anno. Acs al Parlamento, è «genocidio»

«Il Parlamento italiano può molto e oggi ha una occasione importante», ovvero «riconoscere che quello che sta succedendo ai cristiani in alcune parti del mondo è un vero e proprio genocidio». A chiederlo è Alfredo Mantovano che in qualità di presidente della sezione italiana di Aiuto alla Chiesa che soffre, è intervenuto stamattina  alla sala stampa di Montecitorio alla presentazione del libro di Marta Petrosillo «Perseguiteranno anche voi. La testimonianza cristiana nel mondo», volume scritto per La Nuova Bussola Quotidiana.

La mappa dei paesi in cui è più forte la persecuzione dei cristiani (Acs)

Mantovano ha ricordato che per il riconoscimento del genocidio dei cristiani in Medio Oriente ci sono già due mozioni depositate presso Camera e Senato e presentate da politici di schieramenti diversi. A sostenere la «battaglia» di Acs c’è anche la parlamentare Paola Binetti che nel prendere la parola questa mattina ha ricordato come, a detta di molti studi, i cristiani siano il gruppo religioso maggiormente perseguitato al mondo. Dopo il riconoscimento del genocidio armeno da parte di alcuni paesi europei – ha quindi aggiunto la parlamentare a margine della presentazione del libro – «noi stiamo cercando di richiamare l’attenzione sul fatto che lo sterminio sistematico di un popolo per la sua cultura, le sue tradizioni e i suoi valori è una forma di genocidio perché cancella un popolo. Questo non significa assolutamente che l’aggressione verso un singolo sia meno grave rispetto alla aggressione verso un popolo perché l’aggressione verso chiunque, fosse anche un uomo solo, è un colpo per tutta l’umanità, ma quando si cancella un popolo e non permetti che una cultura abbia la possibilità di rigenerarsi, di riprodursi, ciò genera nella società intera un vulnus irreversibile». «I tempi – ha ammesso la parlamentare – sono lunghi anche perché quello noi chiediamo è che questa presenza della cultura del rispetto per i diritti umani  venga trattata in tutte le trattative internazionali».

Secondo l’istituto di ricerca americano Pew Research Center – si legge nella introduzione del libro di Marta Petrosillo -, i cristiani sono discriminati o perseguitati in 102 Paesi su 198 (52%) sia da governi (in 85 paesi) che a livello sociale, definizione che include anche le persecuzioni poste in essere dai gruppi fondamentalisti (71%). In riferimento alla persecuzione anticristiana e al numero dei cristiani uccisi ogni anno in odio della fede vengono spesso forniti dati in disaccordo tra loro. Secondo però il Center for the study of global christianity se nel 2010 erano addirittura 500 milioni i cristiani che nel mondo vivevano in paesi dove i fedeli del cristianesimo soffrono persecuzione, il numero è tristemente destinato a raggiungere i 600 milioni nel 2020. Lo stesso Center for the study of global christianity stima in oltre 100mila i cristiani uccisi ogni anno, cifra che non si limita ai soli cristiani uccisi in odio alla fede ma comprende anche fedeli assassinati in conflitti di natura etnica.

Fonte: Sir
Cristiani perseguitati: 100mila uccisi ogni anno. Acs al Parlamento, è «genocidio»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento