Opinioni & Commenti
stampa

La Toscana nella rete che promuove il gender

La regione Toscana, insieme ad altre otto regioni, ad altrettante amministrazioni provinciali e a una quarantina di Comuni (compresi alcuni toscani), aderisce a «Re.a.dy», la Rete nazionale delle amministrazioni pubbliche anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.

Percorsi: Comuni - Regione - Toscana
Parole chiave: Teoria gender (31)
La Toscana nella rete che promuove il gender

Nata a Torino nel 2006, le rete «Re.a.dy» promuove in varie forme la cultura gender, quell’insieme di convinzioni che vorrebbero cioè negare il valore della differenza sessuale e, come dice la Relazione finale del Sinodo, «svuotare la base antropologica della famiglia». Naturalmente tutto muove dal proposito di combattere discriminazioni a sfondo sessuale e l’omofobia. In realtà «Re.a.dy» – come sabato 31 ottobre spiegava Avvenire – promuove «buone prassi» nei confronti delle persone Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender), che, come si sa, negano la centralità della famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, sostengono la necessità di aprire la strada al riconoscimento delle nozze gay, adozioni comprese. Basta leggere il portale «Re.a.dy» per accorgersi che tra i compiti della rete vi sono «campagne di comunicazione», «adesione e promozione di campagne europee», promozione di «una giornata tematica con eventi diffusi» (leggi Gay pride), «ricerca fondi per le attività della rete», «organizzazione di conferenze e incontri nazionali». Un’attività intensissima che dicono non costi nulla. In realtà, come spiega lo stesso sito sono i partner della rete, cioè i vari enti aderenti, a sostenere le varie attività con un costo per le tasche dei cittadini difficilmente quantificabile. Premesso che «ogni persona – come sottolineato anche dal recente Sinodo sulla famiglia –, indipendentemente dalla propria tendenza sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con rispetto, con la cura di evitare ogni “marchio di ingiusta discriminazione”», sappiamo che il gender è una realtà complessa e preoccupante.

La Toscana nella rete che promuove il gender
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento