Vita Chiesa
stampa

Card. Bagnasco: pastorale giovanile, «bisogno di un messaggio gioioso di speranza»

«Di fronte allo smarrimento soprattutto nel nostro continente, c'è un grande bisogno e forse un desiderio più o meno consapevole di un messaggio gioioso, di speranza e di fiducia». Lo ha detto il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e vicepresidente del Ccee, aprendo questa mattina a Roma il convegno europeo di pastorale giovanile in qualità di presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d'Europa che promuove l'incontro insieme al Pontificio Consiglio per i laici.

«Il contesto nel quale ci troviamo e in modo particolare voi giovani che avete la parabola della vita davanti», ha detto il cardinale, è segnato dal relativismo e dalla secolarizzazione che conduce l'uomo - come ha scritto Papa Francesco nella Evangelii gaudium - ad ‘agire come se Dio non esistesse, decidere come se i poveri non esistessero, sognare come se gli altri non esistessero'». «È questo - ha aggiunto il card. Bagnasco - il contesto nel quale siamo chiamati a stare e camminare con convinzione, con decisione e con fiducia» per essere «Chiesa in uscita». «Specialmente nel contesto della cultura occidentale e in modo specifico europeo», questo relativismo pratico «si esprime in una frantumazione della società che è contro l'uomo».

«L'uomo - ha spiegato il card. Bagnasco - essendo una persona in relazione, è costitutivamente creato per stare con gli altri. Possiamo dire che ogni persona è tale in quanto porta in se stesso l'altro. Se taglia i ponti con l'altro e con gli altri, la persona nega se stessa e negandosi vive triste, infelice, non all'altezza della sua verità e della chiamata di Dio». «La Chiesa in uscita - ha quindi incalzato il cardinale - si colloca dentro a questo contesto europeo di secolarizzazione e relativismo che minacciano la comunione, in una società che non è più comunità di vita e di destino ma rischia di diventare una moltitudine di individui slegati». «Essere Chiesa in uscita - ha quindi concluso il card. Bagnasco - significa essere una Chiesa missionaria. La missione è una vocazione globale che chiama tutti. Non ci sono gli specialisti della missione. Ogni cristiano è missionario dal momento in cui si è incontrato con l'amore di Dio».

Fonte: Sir
Card. Bagnasco: pastorale giovanile, «bisogno di un messaggio gioioso di speranza»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento