Vita Chiesa
stampa

Francesco: «Te Deum», «Non guardare la vita solo dal balcone»

“Un anno che è passato non ci porta ad una realtà che finisce ma ad una realtà che si compie, è un ulteriore passo verso la meta che sta davanti a noi: una meta di speranza e di felicità, perché incontreremo Dio, ragione della nostra speranza e fonte della nostra letizia”. Così Papa Francesco nei Vespri per la solennità di Maria Santissima Madre di Dio e il Te Deum nella basilica vaticana, terminati con la visita al presepe allestito in piazza San Pietro.

Percorsi: Papa Francesco

Il Pontefice, nell’omelia, è partito dall’apostolo Giovanni, il quale definisce il tempo presente in modo preciso: “È giunta l’ultima ora”. Questa affermazione, ha osservato il Santo Padre, che ricorre nella Messa del 31 dicembre, sta a significare che con la venuta di Dio nella storia siamo già nei tempi “ultimi”, dopo i quali il passaggio finale sarà la seconda e definitiva venuta di Cristo: “Con Gesù è venuta la ‘pienezza’ del tempo, pienezza di significato e pienezza di salvezza. E non ci sarà più una nuova rivelazione, ma la manifestazione piena di ciò che Gesù ha già rivelato”. Al termine del 2013, Francesco ha invitato i fedeli a “raccogliere, come in una cesta, i giorni, le settimane, i mesi che abbiamo vissuto, per offrire tutto al Signore”.

Ma “come abbiamo vissuto il tempo che Lui ci ha donato?”. “Lo abbiamo usato soprattutto per noi stessi, per i nostri interessi, o abbiamo saputo spenderlo anche per gli altri? Quanto tempo abbiamo riservato per ‘stare con Dio’, nella preghiera, nel silenzio, nell’adorazione?”. Il Papa ha, poi, spostato l’attenzione su Roma. La qualità della vita, ha spiegato, dipende da tutti noi, ed ognuno di noi contribuisce a “renderla vivibile, ordinata, accogliente”. Il volto di una città, ha aggiunto il Pontefice, è “come un mosaico le cui tessere sono tutti coloro che vi abitano. Certo, chi è investito di autorità ha maggiore responsabilità, ma ciascuno è corresponsabile, nel bene e nel male”. “Roma - ha affermato - è una città di una bellezza unica. Il suo patrimonio spirituale e culturale è straordinario. Eppure, anche a Roma ci sono tante persone segnate da miserie materiali e morali, persone povere, infelici, sofferenti, che interpellano la coscienza di ogni cittadino. A Roma forse sentiamo più forte questo contrasto tra l’ambiente maestoso e carico di bellezza artistica, e il disagio sociale di chi fa più fatica”.

Roma è una città di contrasti: “Piena di turisti, ma anche piena di rifugiati”; piena di gente che lavora, ma anche di persone che non trovano lavoro o svolgono lavori sottopagati e a volte indegni”. “Tutti, però, hanno il diritto ad essere trattati con lo stesso atteggiamento di accoglienza e di equità, perché ognuno è portatore di dignità umana”, ha dichiarato il Pontefice. Per il Santo Padre, “la Roma dell’anno nuovo avrà un volto ancora più bello se sarà ancora più ricca di umanità, ospitale, accogliente; se tutti noi saremo attenti e generosi verso chi è in difficoltà; se sapremo collaborare con spirito costruttivo e solidale, per il bene di tutti”. Dunque, “la Roma dell’anno nuovo sarà migliore se non ci saranno persone che la guardano ‘da lontano’, in cartolina, che guardano la sua vita solo ‘dal balcone’, senza coinvolgersi in tanti problemi umani, problemi di uomini e donne che, alla fine… e dal principio, lo vogliamo o no, sono nostri fratelli”. In questa prospettiva, “la Chiesa di Roma si sente impegnata a dare il proprio contributo alla vita e al futuro della Città: ad animarla con il lievito del Vangelo, ad essere segno e strumento della misericordia di Dio”. Il Papa ha invitato a concludere “l’Anno del Signore 2013 ringraziando e chiedendo perdono. Ringraziamo per tutti i benefici che Dio ci ha elargito, e soprattutto per la sua pazienza e la sua fedeltà”.

Fonte: Sir
Francesco: «Te Deum», «Non guardare la vita solo dal balcone»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento