Vita Chiesa
stampa

Iraq, Patriarca Caldeo: rischio genocidio per i cristiani di Ninive

"Nella notte fra il 6 e il 7 agosto i miliziani dell‘Isis hanno attaccato a colpi di mortaio la maggior parte dei villaggi della piana di Ninive, e ora hanno il controllo dell‘area. I cristiani, 100mila circa, in preda all‘orrore e al panico sono fuggiti dai loro villaggi e abbandonato le loro case, con niente altro se non i vestiti che avevano indosso. Un esodo, una vera via Crucis". E’ la denuncia del patriarca caldeo Mar Louis Raphael I Sako, che lancia un appello a tutti “gli uomini di buona volontà, alle nazioni Unite, e all’Unione europea, affinché si attivino subito per salvare persone innocenti dalla morte, sperando che non sia troppo tardi!”.

Il patriarca parla di “cristiani in marcia a piedi, nella torrida estate irakena, diretti verso le città curde di Erbil, Duhok e Soulaymiya. Fra loro ci sono malati, anziani, bambini e donne incinte. Stanno affrontando una catastrofe umanitaria e vi è un rischio concreto di genocidio. Hanno bisogno di cibo, acqua e riparo...". Circa le chiese e le loro proprietà nei villaggi ora occupati dai miliziani dell’Isis, “abbiamo notizie - scrive Mar Sako - di distruzioni e profanazioni. Antichi manoscritti e documenti sono stati bruciati”. “Appare evidente a tutti - sottolinea nel suo appello il patriarca caldeo - che il Governo centrale è incapace di imporre la legge e l’ordine in questa parte della nazione. Ci sono anche dubbi - aggiunge - della capacità della regione del Kurdistan di difendere da sola la crudele avanzata dei jihadisti”. Per Sako è chiaro che vi sia “una mancanza di cooperazione tra il Governo centrale e quello autonomo regionale. Un vuoto sfruttato dall’Isis per imporre le sue regole e il terrore. C’è bisogno - conclude il patriarca - di aiuto internazionale e di un esercito professionale e ben equipaggiato. La situazione sta peggiorando”. 

Fonte: Sir
Iraq, Patriarca Caldeo: rischio genocidio per i cristiani di Ninive
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Franco Masini 19/08/2014 08:42
"...l'orrore che si fa avanti...!"
"...l'orrore si fa avanti, senza nemmeno un briciolo di pudore, senza la preoccupazione di starsene nascosto, ma anzi ostenta il massacro e le altre brutture di cui si pasce per incutere terrore… e quello che loro chiamano rispetto. La biblica bestia dell'Apocalisse, tutto ciò che nella memoria ancestrale dell'uomo può venire fuori, é giunto. Questo é purtroppo il mio accorato commento alle notizie riferite da questi onorevoli patriarchi e dal Card Filoni, inviato del Papa nella terra d'Iraq, e me ne duole anche perché non vedo nella nostra gente alcuna reazione. Sembra che la preoccupazione maggiore del momento sia ...il tempo. Andare o non andare al mare a far la tintarella! A questo grado di insensibilità siamo arrivati forse perché mancano le notizie? No! Che anzi sia la TV di stato che privata ce le propina ogni giorno anche allora di pranzo. C'é assuefazione? Si pensa ai guai del nostro Paese? Può darsi ma é bene che anche noi si cominci a pensare agli altri, a quelli che fuggono camminando scalzi sulle pietraie del deserto, senz'acqua, senza pane e senza un rifugio" Franco

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento