Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Messa, «state attenti a non scandalizzare»

Nell'omelia della Messa celebrata stamani a Santa Marta, Papa Francesco ha commentato le parole di Gesù ai discepoli con l'avvertimento a non creare scandalo.

Percorsi: Papa Francesco
Papa francesco a Santa Marta (Foto Sir)

«È inevitabile che vengano scandali» ma «guai a Colui a causa del quale vengono». Lo ha detto il Papa, nell’omelia della Messa a Santa Marta, in cui ha ripreso l’avvertimento di Gesù ai suoi discepoli: «State attenti a voi stessi!», cioè «state attenti a non scandalizzare. Lo scandalo è brutto perché lo scandalo ferisce, ferisce la vulnerabilità del popolo di Dio e ferisce la debolezza del popolo di Dio e tante volte queste ferite si portano per tutta la vita. E anche non solo ferisce, lo scandalo è capace di uccidere: uccidere speranze, uccidere illusioni, uccidere famiglie, uccidere tanti cuori…». «State attenti a voi stessi» è un monito per tutti, ha sottolineato Francesco, specie di chi si dice cristiano ma vive come pagano. È questo «lo scandalo del popolo di Dio». «Quanti cristiani col loro esempio allontanano la gente, con la loro incoerenza, con la propria incoerenza», il grido d’allarme: «L’incoerenza dei cristiani è una delle armi più facili che ha il diavolo per indebolire il popolo di Dio e per allontanare il popolo di Dio dal Signore. Dire una cosa e farne un’altra». Di qui la necessità di domandarci: «Come è la mia coerenza di vita? Coerenza col Vangelo? Coerenza col Signore?». L’esempio scelto dal Papa è quello degli imprenditori cristiani che non pagano il giusto e si servono della gente per arricchirsi o anche lo scandalo dei pastori nella Chiesa che non curano le pecore e se ne allontanano. «Gesù ci dice che non si può servire a due signori, a Dio e ai soldi, e quando il pastore è uno attaccato ai soldi, scandalizza», ha ammonito: «E la gente si scandalizza: il pastore attaccato ai soldi. Ogni pastore deve chiedersi: come è la mia amicizia con i soldi? O il pastore che cerca di andare su, la vanità lo porta ad arrampicarsi, invece di essere mite, umile, perché la mitezza e l’umiltà favoriscono la vicinanza al popolo. O il pastore che si sente signore e comanda tutti, orgoglioso, e non il pastore servitore del popolo di Dio…». «Oggi può essere – ha concluso Francesco – una bella giornata per fare un esame di coscienza su questo: scandalizzo o no e come? E così possiamo rispondere al Signore e avvicinarci un po’ più a lui».

Fonte: Sir
Papa Francesco, Messa, «state attenti a non scandalizzare»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento