Cultura & Società
stampa

Costa Concordia: cittadini del Giglio portano in teatro dramma naufragio

Domani al Teatro Moderno di Grosseto «La Bella Addormentata nell'Isola». L'opera teatrale, infatti, racconta la notte del naufragio con l'intreccio tra il punto di vista dei soccorritori e dei naufraghi e quello dei gigliesi pronti ad intervenire nel momento del bisogno

Percorsi: Ambiente
Parole chiave: giglio (91), naufragio concordia (144), mare (198)
Costa Concordia: cittadini del Giglio portano in teatro dramma naufragio

Il dramma della Costa Concordia visto con gli occhi dei gigliesi. Arriva al Teatro Moderno di Grosseto domani «La Bella Addormentata nell'Isola», opera teatrale realizzata dal Teatro dell'Isola «Pietro Buttarelli» per la regia di Andrea Giannoni. Con il contributo del Comune di Isola del Giglio e il patrocinio di Provincia e Comune di Grosseto sarà portato in scena il dramma del naufragio della Costa Concordia raccontato e recitato da chi quella tragica notte ha vissuto sulla propria pelle quanto accaduto.

L'opera teatrale, infatti, racconta la notte del naufragio con l'intreccio tra il punto di vista dei soccorritori e dei naufraghi e quello dei gigliesi pronti ad intervenire nel momento del bisogno. Sul palco, nel ruolo di attori, i gigliesi che mai come questa volta interpreteranno una parte che sentono loro, che hanno vissuto con apprensione ed emozione.

Nel cast una ventina di persone, dal benzinaio al commerciante, dall'insegnante al ristoratore e la partecipazione della Banda musicale Enea Brizzi diretta dal maestro Giovan Battista Pellegrini. Un modo per raccontare un punto di vista diverso ed allo stesso tempo esorcizzare con l'arte teatrale la drammaticità di un tragico evento che l'Isola del Giglio non potrà dimenticare. Il ricavato dello spettacolo sarà utilizzato per la costruzione un parco giochi per bambini.

La tragedia della «Concordia»

La «Costa Concordia» alle 21,45 di venerdì 13 gennaio è andata a sbattere contro gli scogli delle Scole, che si trovano a 150 metri dalla costa, alla velocità di 15 nodi, durante una manovra di avvicinamento all'Isola del Giglio per un «inchino», effettuato manualmente dal comandante Francesco Schettino, 52 anni. A bordo della nave, proveniente dal porto di Civitavecchia e destinata ad approdare a Savona, vi erano 4.229 persone, di cui oltre mille di equipaggio. Dopo l'impatto, che causa uno squarcio di circa 70 metri, la nave frena bruscamente con i locali motori subito invasi dalle acque e con un blackout.

Fonte: Asca
Costa Concordia: cittadini del Giglio portano in teatro dramma naufragio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento