Cultura & Società
stampa

«La storia di Abram», il dialogo tra le religioni parte dai bambini

Martedì 3 marzo alle 17,30 nella Sala Poccetti dell’Istituto degli Innocenti a Firenze viene presentato il libro di Luigi Paccosi «La Storia di Abram» (Società editrice fiorentina). Un libro per bambini che racconta come le divisioni tra gli uomini siano innaturali e come i bambini possano aiutarci a ritrovare quel senso di unità e uguaglianza nel rispetto della diversità di cui abbiamo bisogno.

 «La storia di Abram», il dialogo tra le religioni parte dai bambini

La storia di Abram vuole mostrare la semplicità dell’ideale che ognuno si porta dentro. E chi meglio dei bambini rappresenta questa semplicità, di cuore e di sguardo?». Si apre così la prefazione del libro di Luigi Paccosi “La storia di Abram”, una novella per i più piccoli che punta l’attenzione sull’ascolto dei bambini per recuperare valori fondamentali come il rispetto delle diversità, il dialogo, la pace e l’uguaglianza.

Il libro, edito dalla Società Editrice Fiorentina e illustrato da Emilio Pinna, sarà presentato martedì 3 marzo alle ore 17,30 presso l’Istituto degli Innocenti (sala Poccetti). Oltre all’autore, interverranno la Presidente dell’Istituto degli Innocenti Maria Grazia Giuffrida, il Sindaco di Firenze Dario Nardella, il Direttore dell’Ufficio scolastico regionale Ernesto Pellecchia, il rappresentante della Comunità Ebraica di FirenzeUgo Caffaz, l’Imam di Firenze Izzedin Elzir, il professore in Pedagogia generale e sociale presso l’Università degli Studi di Firenze Alessandro Mariani, l’assessora all’Educazione, Università e Ricerca, Formazione del Comune di Firenze Sara Funaro. Saranno presenti, inoltre, Stefania Saccardi, assessora regionale alle politiche sociali, sport e sanità, Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale della Toscana, don Giovanni Paccosi, Vicario della Diocesi di Firenze per la pastorale. Modera l’incontro il Direttore Generale dell’Istituto degli Innocenti, Giovanni Palumbo.

Con un linguaggio adatto a bambini dai 3 ai 6 anni, il libro narra la storia di una famiglia in una città divisa da conflitti fra comunità appartenenti a religioni diverse, che ritrova la pace grazie allo sguardo curioso, aperto e libero dei bambini. Una storia che mostra come le divisioni tra gli uomini siano innaturali e come i più piccoli possano aiutare gli adulti a recuperare il dialogo e il senso di unità e uguaglianza nel rispetto delle diversità.

L’idea della pubblicazione nasce all’interno del percorso “Dialogo interreligioso – la scuola per la comunità”, azione specifica del progetto nazionale “Bambini: dalla periferia al centro” mirata a favorire il dialogo interreligioso all’interno del contesto scolastico. Il progetto, finanziato dal Bando Prima Infanzia dell’impresa sociale Con i Bambini, si è posto un obiettivo principale all’interno della grande azione di contrasto alla povertà educativa: creare e potenziare legami tra famiglie e tra genitori e operatori favorendo relazioni generative per nuove alleanze e nuovi percorsi.

A suggellare questa apertura e ricerca di dialogo, la prefazione del libro scritta a tre mani dal Monsignor Andrea Bellandi, Arcivescovo metropolita di Salerno, Campagna e Acerno, dall’Imam di Firenze Izzedin Elzir e da Joseph Levi, per oltre venti anni Rabbino capo della Comunità Ebraica di Firenze e della Toscana centro-orientale.

Luigi Paccosi, presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda pubblica di servizi alla persona Firenze Montedomini, è anche membro del Comitato di indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, consigliere del Cesvot - Centro Servizi Volontariato Toscana - e tesoriere di CSVnet, associazione nazionale dei Centri di servizio per il volontariato.

«La storia di Abram», il dialogo tra le religioni parte dai bambini
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento