Toscana
stampa

Edizione on line

Chi ha paura di quel Bambino?

Invece della consueta rappresentazione di Natale, la favola di Cappuccetto Rosso. «Virtù» al posto della parola «Gesù» in una canzoncina natalizia. «Stella» di Venditti invece di «Tu scendi dalle stelle». Capita anche questo nella nostra Italia. Ma capita anche che quelli che invitavano a non dare l'8 per mille alla Chiesa, perché «dalla parte degli immigrati», oggi reclamino a gran voce il presepio in ogni luogo pubblico e paventino l'assalto islamico alle nostre tradizioni cristiane. Discorsi che si mescolano anche alla recente sentenza della Consulta sull'esposizione del Crocifisso nelle scuole. Per fortuna, però, non mancano anche esempi in controtendenza, come alla scuola «Guasti» di Prato. E del valore dei simboli del Natale ha parlato anche il Papa domenica 19 dicembre all'Angelus.

Natale, la rinunzia e il fanatismo, due facce della confusione - di FRANCO CARDINI

Albero o presepe? Vai al sondaggio

Chi ha paura di quel Bambino?

Invece della consueta rappresentazione di Natale, la favola di Cappuccetto Rosso. «Virtù» al posto della parola «Gesù» in una canzoncina natalizia. «Stella» di Venditti invece di «Tu scendi dalle stelle». Capita anche questo nella nostra Italia. Ma capita anche che quelli che invitavano a non dare l'8 per mille alla Chiesa, perché «dalla parte degli immigrati», oggi reclamino a gran voce il presepio in ogni luogo pubblico e paventino l'assalto islamico alle nostre tradizioni cristiane. Discorsi che si mescolano anche alla recente sentenza della Consulta sull'esposizione del Crocifisso nelle scuole.

Anche in Toscana ci sono scuole dove un malinteso senso di rispetto verso le altre culture ha portato a decisioni assurde sul piano educativo e culturale, oltre che a situazioni paradossali. Se nella recita natalizia non si può spiegare che cosa ricorda quella festa, a prescindere da qualsiasi questione di fede religiosa, chi ci rimette prima di tutto è la scuola che non aiuta gli alunni a capire. E che senso ha rinunciare al Presepio e invece addobbare un albero o far vestire qualcuno da Babbo Natale? Non son forse anche quest'ultimi dei simboli dell'evento della nascita di Gesù? O forse questi hanno più cittadinanza perché se ne è impossessata la società dei consumi?

Per fortuna non mancano anche episodi in netta controtendenza. A Prato, alla «Cesare Guasti», la scuola più multietnica della Toscana (è straniero un bambino su tre), il presepio l'allestiscono tutti insieme, bambini italiani, musulmani, cinesi. E nessuno protesta, perché questa attività rientra a pieno nel percorso educativo di integrazione culturale che quella scuola si è data. Anche a Firenze, all'Istituto tecnico agrario, all'interno di un progetto di cooperazione che dura da tempo con l'antica Efraim, in Terra Santa, gli auguri di Natale li faranno insiene il rabbino di Firenze Levi, l'imam Iezzin e un rappresentande della diocesi.

Il Natale negato

Natale, la rinunzia e il fanatismo, due facce della confusione - di FRANCO CARDINI

Prato, scuola multietnica ma il presepio si fa

Presepi, intervista a Margiotta Broglio: «Assurdo obbligare, basta il buon senso»

Crocifisso a scuola, le ragioni di una presenza

PRESEPIO A SCUOLA: MORATTI, NON TOGLIETELO DA VITA STUDENTI

L'integrazione interculturale. Messaggio del papa per la giornata migranti 2005

GIOVANNI PAOLO II: PRESEPE UN SEGNO DI FEDE IN DIO

PRESEPI, A FIRENZE UN CONCORSO PER PREMIARE CHI LO FA

Albero o presepe? Vai al sondaggio

PAPA: PRESEPE E ALBERO SIMBOLI LEGATI ALLE DIVERSE CULTURE. IL SALUTO AI BAMBINI DI BESLAN

Chi ha paura di quel Bambino?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento