Toscana
stampa

Da Regione e Procura un freno agli incidenti sul lavoro

La Toscana dice basta a morti e infortuni sul lavoro. Un impegno rafforzato dalla stesura di un protocollo firmato mercoledì 14 settembre in Palazzo Strozzi Sacrati, dall'assessore regionale al diritto alla salute, Daniela Scaramuccia, e dal Procuratore generale presso la Corte d'Appello di Firenze, Beniamino Deidda. Il protocollo ha lo scopo di rafforzare le attività di prevenzione e di vigilanza sui luoghi di lavoro.
DI LORENZO CHIARELLI

Parole chiave: procura (5), regione toscana (1598), infortuni sul lavoro (140), lavoro (615)
Da Regione e Procura un freno agli incidenti sul lavoro

di Leonardo Chiarelli

La Toscana dice basta a morti e infortuni sul lavoro. Un impegno rafforzato dalla stesura di un protocollo firmato mercoledì 14 settembre in Palazzo Strozzi Sacrati, dall'assessore regionale al diritto alla salute, Daniela Scaramuccia, e dal Procuratore generale presso la Corte d'Appello di Firenze, Beniamino Deidda.

Il protocollo ha lo scopo di rafforzare le attività di prevenzione e di vigilanza sui luoghi di lavoro, oltre ad una serie di altre finalità tra cui: lo sviluppo di azioni efficaci per promuovere l'osservanza delle norme, la repressione delle violazioni, la messa a punto di procedure omogenee per favorire il flusso di informazioni, la segnalazione di tutti gli infortuni che abbiano causato lesioni gravi o decesso,  e azioni congiunte mirate alla promozione della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e alla garanzia di adeguate condizioni di lavoro per tutti.

Prevenzione e repressione dei reati sono le due linee su cui lavoreranno Regione e Magistratura, la prima attraverso il potenziamento delle azioni di vigilanza da parte delle Asl, attraverso la capacità di diagnosi precoce delle malattie professionali e sensibilizzando i professionisti (medici competenti, medici di famiglia, ospedalieri, specialisti), e potenziando l'attività degli uffici preposti alla vigilanza e alla repressione delle violazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, la seconda,  attraverso un intervento più massiccio della magistratura perché sia garantito l'esercizio della funzione penale in caso di violazione della normativa. I magistrati seguiranno un percorso di formazione e specializzazione, offrendo loro modelli di indagini più veloci ed efficaci.

Se da una parte, negli ultimi anni, è stato registrato un calo degli incidenti sul lavoro, compresi quelli mortali, dall'altro si nota come la curva scende al diminuire dell'occupazione stessa. Gli incidenti sul lavoro quindi diminuiscono al crescere della disoccupazione.

Un altro dato che è invece in continua crescita è il numero delle malattie professionali. La malattia professionale è definita dalla legge come quell'evento dannoso che agisce in modo lento e progressivo sull'organismo del lavoratore, per questo è molto più difficile da perseguire, sia da un punto di vista clinico che penale. L'aumento del numero delle malattie professionali non è dato da un improvviso peggioramento delle condizioni di lavoro, ma da una maggiore attenzione alla diagnosi e ad un ampliamento delle malattie riconosciute, per una modifica della normativa, ma anche maggiore attenzione e sensibilità da parte dei medici nel denunciare agli organi competenti malattie contratte sul posto di lavoro.

Con il protocollo, Regione e Procura promuoveranno e ottimizzeranno, in termini di completezza e tempestività delle informazioni, la collaborazione tra loro e con gli altri enti destinatari delle informazioni sugli infortuni e sulle patologie da lavoro. Ciascuna nel proprio ambito di competenza, potranno sviluppare azioni comuni rafforzando la reciproca collaborazione.

La Toscana decide quindi di non tagliare i costi sulla prevenzione e repressione dei reati ma di impegnarsi a riutilizzare una parte delle somme derivanti dalle sanzioni comminate dai dipartimenti della prevenzione delle Asl alle ditte che hanno violato la normativa sulla sicurezza. Risorse che ammontano a circa 3 milioni e mezzo di euro sui circa 5 milioni che annualmente provengono dalle sanzioni, cifre che verranno destinate al potenziamento delle attività di prevenzione e vigilanza svolte dalle Asl.

Una «guerra» alla quale non possiamo più assistere
La sicurezza sul lavoro è uno di quei campi dove la responsabilità e l'impegno sono diffusi – ha spiegato l'asserore Scaramuccia – e solo e se si riesce a lavorare in sinergia perfetta tra istituzioni, imprese e lavoratori possiamo fare la differenza».

«Stiamo parlando di reati che riguardano i diritti fondamentali della persona – ha aggiunto il procuratore Beniamino Deidda – l'incolumità, la salute, i diritti massimi garantiti dalla nostra Costituzione. Se facciamo un rapporto tra le ore lavorate e gli infortuni – ha proseguito il magistrato – vediamo che il fenomeno resta gravissimo. Si continua a morire in Toscana. Nonostante le diminuzioni, i morti sul lavoro si attestano intorno a 60 persone che ogni anno muoiono sul lavoro, ed è una guerra a cui non possiamo più assistere».

Un tema particolarmente sottolineato è il nuovo interesse sulle malattie professionali. «I medici – ha spiegato Deidda – non hanno l'abitudine, l'educazione e la formazione per accorgersi che qualche volta si tratta di malattie legate al lavoro, e quando se ne accorgono avvolte non denunciano. Formare e sensibilizzare i medici a denunciare  sarà uno dei terreni di maggiore impegno che questo protocollo porta con sé».

LE CIFRE
61.993: gli incidenti sul lavoro in Toscana nel 2010. Nel 2000 erano stati 82.403
57: le vittime per incidenti sul lavoro nel corso del 2010. Nel 2000 erano state 93. Negli ultimi dieci anni sono morte in Toscana 650 persone
348: le vittime sul lavoro nel nostro paese nei primi otto mesi del 2011 con un aumento del 7,4% rispetto ai primi otto mesi del 2010
27: le vittime sul lavoro in Toscana nei primi otto mesi del 2011. La Provincia di Arezzo, con 5 morti, è al 18° posto in Italia per incidenza sul totale degli occupati
4.669: le malattie professionali denunciate all'Inail nel 2010: 539 nel settore agricoltura, 4.130 nel settore industria e servizi
39,4%: gli incidenti mortali in agricoltura sul totale italiano nei primi otto mesi del 2011; al secondo posto quelli nell'edilizia (22,1%)
45: miliardi di euro il costo annuo per lo Stato per malattie e infortuni sul lavoro

Da Regione e Procura un freno agli incidenti sul lavoro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento