Toscana
stampa

PAKISTAN, UCCISO MINISTRO PER LE MINORANZE RELIGIOSE, IL CATTOLICO SHAHBAZ BHATTI

Percorsi: Mondo
Parole chiave: pakistan (132), cristiani perseguitati (551)

Islamabad (Agenzia Fides) – Lutto e terrore nella comunità cristiana in Pakistan: il Ministro Federale per le Minoranze Religiose, il cattolico Shahbaz Bhatti, è stato ucciso questa mattina a Islamabad. Fonti locali di Fides narrano che il Ministro era uscito dalla sua residenza per recarsi in ufficio, era in auto con sua nipote e il suo autista. Non aveva uomini di scorta. All'improvviso una piccola auto Suzuki si è affiancata all'auto del Ministro e ha esploso un colpo di arma da fuoco verso il finestrino dell'autista, per fermarla. Un gruppo di uomini armati, dal volto coperto, ha tirato fuori dall'automobile il Ministro e lo ha colpito con una una pioggia di colpi, esplosi da armi automatiche, durata circa due minuti. Il commando è poi fuggito. L'autista ha condotto il Ministro all'ospedale di Islamabad, dove Bhatti è arrivato già senza vita. Non vi è stata un rivendicazione ufficiale ma, dalle prime indagini, sembra che l'attentato sia da attribuire a gruppi talebani che avrebbero lasciato sul luogo del delitto dei volantini firmati “Tehrik-i-Taliban- Punjab”.
Fonti locali di Fides si chiedono perchè il Ministro, già oggetto di minacce pubbliche da parte di gruppi terroristi come “Laskar e-toiba", sia stato lasciato senza scorta. Sacerdoti e suore pakistane non esitano a definire Bhatti “un martire”, persona che “ha dato la vita per la difesa dei diritti delle minoranze religiose, specialmente dei cristiani”.
In una reazione a caldo, Peter Jacob, Segretario della Commissione episcopale “Giustizia e Pace”, amico personale di Bhatti, dichiara a Fides: “Siamo in uno stato di shock e di panico: la comunità cattolica, tutti i cristiani, sono traumatizzati da questo ennesimo omicidio. Ci sentiamo frastornati e indifesi. Questo omicidio vuol dire che il paese è in balia dei terroristi, che possono permettersi di uccidere personalità di rango così elevato. Ci sentiamo molto vulnerabili: lo sono soprattutto i difensori dei diritti umani e delle minoranze religiose. Condanniamo con forza questo gesto barbaro. Ora è il momento del lutto, poi come cristiani penseremo al da farsi”.
Bhatti, 42 anni, era stato confermato Ministro Federale per le Minoranze religiose nel recente rimpasto di governo, e ricopriva questo incarico dal 2008. Era originario del villaggio di Khushpur, nei pressi di Faisalabad, in Punjab, chiamato “il Vaticano del Pakistan”, in quanto è un villaggio fondato dai padri Domenicani, che ha dato i natali a numerosi sacerdoti, suore e religiosi pakistani.
Nel suo impegno di attivista per i diritti umani e per le minoranze religiose, Bhatti aveva fondato la “All Pakistan Minorities Alliance” e il “Christian Liberation Front”, organizzazioni molto attive nella società civile. Era un alfiere della lotta per la revisione della legge sulla blasfemia, che gli è costata la vita. Nei giorni scorsi aveva rassicurato, in via riservata, l'Agenzia Fides sul fatto che la “Commissione per la Revisione della legge sulla Blasfemia”, voluta dal Presidente Ali Zardari sotto la guida di Bhatti, era un progetto non accantonato, ma che continuava lontano dai riflettori. Negli ultimi tempi amava ripetere “ho bruciato le mie navi”, riferendosi a un impegno che coinvolgeva tutta la sua esistenza, che non poteva prevedere un passo indietro. In una recente intervista a Fides (vedi Fides 12/2/2011) aveva detto di considerare il suo servizio in politica come “testimonianza della fede in Cristo”.

PAKISTAN, UCCISO MINISTRO PER LE MINORANZE RELIGIOSE, IL CATTOLICO SHAHBAZ BHATTI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento