Vita Chiesa
stampa

Dal n. 9 del 6 marzo 2005

Ac, Vivere da cristiani nel tempo presente

In tutte le diocesi toscane l'Azione Cattolica sta svolgendo, in questi giorni, le assemblee diocesane, in vista dell'assemblea regionale del 12 marzo e poi dell'assemblea nazionale. All'assemblea di Firenze è intervenuta Paola Bignardi, da sei anni presidente nazionale dell'associazione ed impegnata da sempre nel mondo della solidarietà sociale. Con lei abbiamo fatto una breve analisi del recente passato e del prossimo futuro di Azione Cattolica, giunta al termine di un periodo ricco di fermenti e di riforme.
DI GIOVANNI SEMINO

Ac, Vivere da cristiani nel tempo presente

di Giovanni Semino
In tutte le diocesi toscane l'Azione Cattolica sta svolgendo, in questi giorni, le assemblee diocesane, in vista dell'assemblea regionale del 12 marzo e poi dell'assemblea nazionale. All'assemblea di Firenze è intervenuta Paola Bignardi, da sei anni presidente nazionale dell'associazione ed impegnata da sempre nel mondo della solidarietà sociale. Nata a Cremona cinquantasei anni fa, laureata in pedagogia, ha intrapreso sin da giovane la militanza in AC, nella quale ha ricoperto spesso ruoli di responsabilità, prima nella sua città poi a livello nazionale, divenendo anche vicepresidente nazionale degli adulti tra il 1977 ed il 1983. La Bignardi ha un'aria tranquilla ed un sorriso dolce, ma dice cose forti, senza retorica; mette in mostra una sapienza spirituale che viene da dentro, dalla vita vissuta e l'uditorio che ha appena terminato di ascoltarla è sinceramente colpito dalla sua concretezza. Con lei abbiamo fatto una breve analisi del recente passato e del prossimo futuro di Azione Cattolica, giunta al termine di un periodo ricco di fermenti e di riforme.

Presidente Bignardi qual è il ruolo che AC deve rivestire nella Chiesa di oggi?

«Credo che debba avere il compito di continuare a richiamare il valore della formazione personale per vivere da cristiani in questo tempo e dovrà cercare continuamente di aprire delle strade nuove per la formazione, perché questa non può essere ripetizione ma deve essere utile a vivere come cristiani oggi, camminando in sintonia con le trasformazioni in atto nella società. Poi penso che l'Azione Cattolica debba giocare un ruolo importante in ordine al dare evidenza alla vocazione laicale, attraverso una nuova soggettività del laicato; sono convinta che questo possa avvenire grazie ad un processo di dialogo tra le aggregazioni, cercando di perseguire percorsi di convergenza all'interno di un laicato che rischia oggi di presentarsi troppo frammentato e quindi anche poco significativo all'interno della realtà ecclesiale».

Come si può far avvicinare i giovani e chi non si sente di impegnarsi, quale il linguaggio giusto e i giusti metodi da usare?

«Bisogna far percepire la bellezza della vita cristiana ed anche della vita associativa, evidentemente come una delle forme della vita cristiana; bisogna anche dar vita ad esperienze di associazioni che siano coinvolgenti perché si possa capire che è bello essere associazione, dando testimonianza di ciò attraverso un'esperienza bella di fraternità fra le persone».

E l'impegno dei cristiani in politica? Come si pone AC rispetto a questo argomento? Molti militanti chiedono un consiglio, un'indicazione su come agire.

«Azione Cattolica invita ad assumersi delle responsabilità anche rispetto alla politica, anche il Papa ha richiamato a questo i cattolici durante la settimana sociale dei cattolici; la nostra associazione fa un continuo lavoro di formazione alla cittadinanza, non si può essere cristiani senza sentirsi parte della comunità umana di cui si è parte, senza sentirsi responsabili di questa comunità. Da un punto di vista strettamente politico però, essendo AC un'esperienza ecclesiale non compie delle scelte di schieramento ma compie delle scelte di valori, valori civili: a noi importano valori come la vita, la giustizia, la famiglia, la solidarietà».

Venendo infine alla realtà fiorentina, quali sono secondo lei le priorità da affrontare in prospettiva?

«Mi pare che durante il dibattito tenuto questa mattina sia venuto fuori molto: lo spendersi per la città, l'attenzione ai giovani e al loro modo di esprimersi e comunicare, cercando di concedergli i giusti spazi, poi la necessità della formazione, esigenza posta da molti».

E quindi è necessaria una formazione di qualità per avvicinare i giovani…

«Certo, perché quando si parla di formazione bisogna intendere una formazione assolutamente di qualità: e quindi una formazione che per la nostra tradizione ha bisogno di essere continuamente rinnovata, per essere attuale e poter rispondere alle attuali esigenze della nostra realtà. Per noi i giovani rivestono ed hanno sempre rivestito un ruolo fondamentale».

A Siena l'assemblea regionale
L'Azione Cattolica terrà al seminario di Montarioso (Siena), sabato 12 marzo, la sua assemblea regionale. La mattina il delegato regionale Enzo Cacioli parlerà del cammino di Ac in Toscana; nel pomeriggio le elezioni della delegazione regionale e le candidature per il consiglio nazionale. La sera, è previsto anche un concerto del coro della basilica di San Giovanni in Laterano.

Domenica 13 marzo, si svolgerà a Siena anche il terzo colloquio del «Progetto cittadinanza» sul tema «Una politica per l'uomo: il diritto, la giustizia, lo sviluppo». L'incontro si svolge a Santa Maria della Scala; la mattina, dalle 9, le relazioni di Paola Ricci Sindoni e padre Bartolomeo Sorge, alle 12 la Messa in Duomo presieduta dal presidente della Cet Alessandro Plotti. Nel pomeriggio, relazioni di Lorenzo Caselli e mons. Celestino Migliore. Alle 17, visita guidata agli affreschi di Lorenzetti e Simone Martini. Per informazioni tel. 055.578116.

Ac, Vivere da cristiani nel tempo presente
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento