Vita Chiesa
stampa

Gmg 2019: Panama, manifesto dei giovani per la cura della casa comune. Cinque impegni richiesti alla politica

Cinque richieste ai leader politici e alle istituzioni competenti per affrontare «con decisione e in modo urgente» altrettante emergenze. È quanto si legge nel manifesto dei Giovani della Gmg 2019 per la cura della casa comune, redatto al termine del convegno su «Conversione ecologica in azione», che si è svolto in questi giorni a Panama.

Percorsi: Ambiente - Giovani - Gmg - Panama - Politica
Giovani alla Gmg di Panama (Foto Sir)

I giovani chiedono anzitutto di puntare «al raggiungimento del 100% di energia rinnovabile, per ‘porre fine all'era dei combustibili fossili' in linea con l'obiettivo dell'accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C». Poi, rivolgono lo sguardo alle migrazioni e chiedono di attuarne il Global Compact, «per affrontare il tema dei rifugiati ambientali affinché nessuno sia lasciato indietro». E, ancora, di «adoperandosi per proteggere almeno il 30% degli ecosistemi del pianeta entro il 2030, con attenzione speciale alle comunità indigene che vivono in queste regioni ad elevata biodiversità, in applicazione della Convenzione Onu sulla diversità biologica. Un altro impegno richiesto è quello per «un accesso universale ed equo all'acqua potabile entro il 2030, come previsto dal sesto obiettivo di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030 Onu». Infine, il ricorso a un modello di economia ‘circolare', per «superare il mito moderno del progresso materiale illimitato e il paradigma della crescita illimitata».

«Chiediamo ai vescovi e ai responsabili della Chiesa di accelerare l'attuazione della Laudato Si'», si legge nel manifesto dei Giovani della Gmg 2019 per la cura della casa comune. Quattro i modi indicati dai giovani per realizzare questo processo. Il primo è l'incoraggiamento della conversione ecologica in corso «attraverso programmi educativi e di formazione a tutti i livelli, accompagnati da iniziative speciali per coltivare la dimensione ecologica della nostra fede, anche attraverso la celebrazione annuale del Tempo del Creato». «Occorre quindi superare un interesse spesso marginale ed episodico per passare ad un impegno sistematico e organico». Una seconda richiesta è la promozione di «una conversione degli stili di vita indirizzata alla semplicità e alla sostenibilità, attraverso l'impegno a passare nelle strutture ecclesiali al 100% di energia rinnovabile e raggiungere l'obiettivo di emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2030 o prima».

E, ancora, la richiesta di adottare «linee guida sugli investimenti etici che allontanino i capitali dai combustibili fossili, considerato che, se si svuole rispettare il limite dell'accordo di Parigi, dobbiamo mantenere nel sottosuolo la maggior parte del carburante fossile». Infine, l'invito ai vescovi a «sostenere i giovani nella realizzazione di programmi di cura della casa comune e, in particolare, di favorire progetti di difesa di quel ‘polmone del pianeta' che è la foresta amazzonica con i suoi abitanti indigeni».

Gmg 2019: Panama, manifesto dei giovani per la cura della casa comune
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento